Sabato 13 febbraio 2016 – RIPRENDIAMOCI IL CIBO degustazione e rivoluzione –

Sabato 13 febbraio 2016 – RIPRENDIAMOCI IL CIBO degustazione e rivoluzione –

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

dalle 19.30 degustazione dei Vini 

Càlitro, Neccio, Collepazzo
con Lorella Reale e Piero Riccardi, Viticoltori e giornalisti

dalle 21.00 Piero Riccardi ci presenta il suo libro
“Riprendiamoci il cibo”
Interviene, a sproposito 😉 Lorenzo Misuraca,
giornalista e autore di “Il marcio è servito”

Ingresso con tessera associazione 2016 (€ 5,00 annui)
La degustazione è facoltativa con diverse formule economiche

Una serata per parlare di terra, di cibo, di vino, di disperazione e rivoluzione.
La disperazione di un sistema globale volto all’auto distruzione e la rivoluzione possibile, che parte dalla terra.
Ne parliamo con Lorella e Piero, produttori di un ottimo Cesanese e già giornalisti impegnati in inchieste sulla produzione alimentare (con REPORT e non solo)
Partecipa Lorenzo misuraca, giornalista e autore del libro sulle frodi alimentari “Il marcio è servito”

Il vino
La nostra azienda è di circa cinque ettari. Si divide tra i comuni di Olevano Romano e Bellegra, nella zona dei monti Prenestini, a 60 km a sud-est di Roma.

Coadiuvati dall’Agronomo Ruggero Mazzilli dell’Osservatorio di Viticultura Sostenibile del Chianti e dall’ Enologo -biologo Michele Lorenzetti cerchiamo di realizzare ogni anno dei vini buoni, territoriali e digeribili.

A Olevano Romano, a 300 mt s.l.m. coltiviamo due ettari di Cesanese piccolo o di Affile, antico vitigno a bacca rossa del Lazio. I terreni sono in parte di arenaria bianca e in parte terre rosse vulcaniche, le cui uve vengono vinificate separatamente, dando vita a Collepazzo (uve di viti di entrambe le terre), Càlitro (solo le terre bianche) e quando l’annata lo consente anche il Neccio (solo le terre vulcaniche)

Nei prossimi anni avremo i nostri bianchi e i nostri passiti. Abbiamo impiantato su terre vulcaniche le uve bianche di Malvasia Puntinata, Riesling Renano e Semillon e, a Bellegra, su terrazze a 700 mt di altezza, abbiamo recuperato un antico autoctono, chiamato Rosciola, di cui conserviamo anche esemplari a piede franco.

Siamo soci di VinNatur. Membri della F.I.V.I, Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti.

La vendemmia è manuale. Diraspa-pigiatura soffice. Le fermentazioni avvengono con lieviti indigeni ed utilizziamo esigue quantità di solforosa.

Lavoriamo in biodinamica, con certificazione biologica di Suolo e Salute Lazio.

http://www.ecralibri.it/online/shop/riprendiamoci-il-cibo-inchiesta-e-proposte-per-unalimentazione-responsabile/

 

Comments are closed.